Maison Columbus

Brevi cenni storici sulla famosissima Maison Columbus

Maison Columbus

Storia

Tutto cominciò il 19 maggio 1918, quando i fratelli Eugenio e Alfredo Verga costituirono una società con sede a Milano, che aveva come oggetto la produzione, lavorazione e commercio di penne stilografiche, pennini, inchiostro e articoli di cancelleria.
Eugenio scelse il nome con cui identificare i prodotti e decise per “Columbus“, mentre Alfredo conferì il proprio nome alla società, che divenne Alfredo Verga dei Fratelli Verga.

Nacque così, quello stesso anno, la prima penna che venne chiamata Columbus Safety Pen N.1, in ebanite completamente nera.

Negli anni successivi, ad essa vennero affiancate versioni più preziose, rivestite in oro, che hanno innalzato il prestigio e lo standard produttivo dell’azienda.
Era il 1927 quando una crisi nelle vendite portò allo scioglimento della società. Eugenio proseguì da solo il suo cammino: ricercò nuovi materiali, come la celluloide, e creò nuovi sistemi di caricamento, brevettando nel 1929 quello a leva e, successivamente, a cucchiaino a siringa inversa. La lavorazione divenne a ciclo completo, comprendendo l’intera produzione, dai pennini, alle clip, al corpo, e questo permise uno sviluppo radicale dell’azienda.

Ma la guerra non diede scampo e un bombardamento su Milano distrusse la fabbrica. Ciò che ne rimase fu trasferito a Lesa fino al 1948, anno in cui fu possibile il ritorno nella città meneghina, in via Trebbia.
La produzione riprese a tutto regime, con la creazione di fortunati modelli qualitativamente ineccepibili e a prezzo contenuto. Quando, nove anni più tardi, muore Eugenio Verga gli succede il figlio Enrico, che guiderà l’azienda tra fortune e sventure, come la crisi del mercato delle stilografiche in seguito all’avvento delle penne a sfera.

Nel 1992 marchio e azienda vengono cedute all’azienda Santara, guidata da Raoul Franco, che forte della sua esperienza e grande passione per il mondo degli strumenti di scrittura, ha rinnovato i campionari, introducendo articoli in argento e celluloide, che hanno riportato la produzione al livello che le spetta nel panorama delle penne italiane.

Negli anni ’90 la linea Academia ha contato un numero così limitato di pezzi che è ora oggetto di ricerca da parte dei collezionisti. E la nuova linea Scriba, brillante nei colori della resina ed eccellente nella scorrevolezza del tratto, ha già tutte le carte in regola per seguirne il medesimo percorso.
Santara, oltre a proseguire la leadership nella vendita delle penne Columbus in argento, è stata la prima a introdurre in Italia le Matitone, diventate un “cult” per ragazzi, professionisti e promozionali.

Le continua ricerca di nuovi materiali, originali finiture e una sensibile attenzione alla continua evoluzione delle esigenze del pubblico, hanno portato al delinearsi di una gamma ampia e variegata, dove oggetti diversi sono accomunati dagli elementi cardine della mission di questa azienda: legame con la tradizione, alta qualità, prezzi accessibili.

Fonte: www.columbuspenne.it