Maison Pandora

Brevi cenni storici sulla famosissima Maison Pandora

Maison Pandora

Storia

Man mano che la domanda dei loro prodotti cresceva, gli Enevoldsens spostarono la loro attenzione sulla distribuzione all’ingrosso. Grazie ai buoni affari in tale settore, nel 1988 Enevoldsen assunse dei designers e aprì l’attuale sito di produzione in Thailandia. Tramite una produzione a basso costo ed un’efficiente catena di distribuzione, l’azienda è stata in grado di fornire ai mercati di massa gioielleria rifinita a mano a prezzi contenuti. La collezione Pandora crebbe fino ad includere un vasto assortimento di anelli, orecchini, collane ed orologi (questi ultimi attualmente dismessi).

Il gruppo danese di privaye equity Axcel ha comprato il 60% delle azioni dalla famiglia Enevoldsen nel 2008. Le azioni, per un totale di quasi 2 milioni di dollari, furono vendute in una delle più grandi IPO europee del 2010, dando a Pandora un capitale di mercato di circa 27 bilioni di corone danesi. L’azienda è quotata pubblicamente sul mercato azionario danese.

Pandora è attualmente in termini di vendite il terzo produttore di gioielleria del mondo, dopo Cartier e Tiffany. Nel 2011, è stato venduto più di un prodotto Pandora al secondo. Le azioni ebbero una brusca caduta nello stesso anno, quando l’azienda tentò di puntare ai mercati del lusso ma la situazione si normalizzò col ritorno ai mercati di massa.

Fonte: Wikipedia